fbpx

Clostridium difficile

E’ un batterio anaerobio presente fisiologicamente nella flora batterica della vagina e dell’intestino (rintracciabile quindi nelle feci).

Mediante la produzione nell’intestino di una tossina necrotizzante alcuni ceppi possono causare nell’uomo la colite soprattutto quando riescono a moltiplicarsi nell’intestino in grandi quantità (questo accade, ad esempio, quando la flora batterica intestinale si modifica a loro favore come avviene, ad esempio, in seguito a terapia antibiotica orale protratta nel tempo). 

I sintomi e le malattie associate all’infezione da Clostridium difficile includono:

  • diarrea,
  • febbre,
  • perdita di appetito,
  • nausea,
  • dolori addominali,
  • colite.